Strumenti più utilizzati nel Trading: take profit, stop loss, spread e leva

Sono molti gli strumenti che vengono utilizzati quando si decide di fare Trading online.

L’articolo di oggi vuole elencarvi i principali, parlandovi di:

  • Leva finanziaria;
  • Spread;
  • Take profit e Stop Loss.

La leva finanziaria nel Trading online

I trader traggono profitto dalle fluttuazioni dei prezzi delle attività finanziarie attraverso la negoziazione. Per avere un maggiore potere di acquisto nei mercati economici e di conseguenza alti profitti operano attraverso la leva finanziaria.

La leva finanziaria è un credito finanziario che si ottiene dal proprio broker per scambiare grandi quantità di denaro.

Con un elevato potere di acquisto, il trader può avere profitti più alti.

Per esempio un trader intraday opera con leva, poiché aprono e chiudono le loro negoziazione durante tutta la giornata, con lo scopo di fare piccoli profitti con piccoli movimento di prezzo.

Se siete convinti di operare attraverso la leva finanziaria su diversi bene finanziari, il vostro broker avrà regole di leva che dovrai seguire. La leva finanziaria deve sempre essere conforme alla legge nazionale che regola il rispettivo broker.

Infatti per chi risiede all’interno dell’Unione Europea, come noi, e siamo degli investitore al dettaglio, la leva finanziaria è limitata dall’agosto del 2018. Infatti ESMA a limitato la leva finanziaria in base all’asset prescelto:

  • 1:30 coppie di valute principali;
  • 1:20 coppie di valute secondarie e esotiche, principali indici di borsa, oro;
  • 1:10 indici di borsa secondari, materie prime (meno l’oro);
  • 1.5 titoli azionari e ETF;
  • 1:2 criptovalute.

Per i professionisti dell’UE e investitori al dettaglio e professionisti al di fuori dell’UE la leva finanziaria offerta di solito può arrivare fino a 1:400.

Ora facciamo un esempio per comprendere meglio come funziona la leva finanziaria in una negoziazione. Immaginiamo di avere 10.000 € nel nostro conto di trading e scegliamo di investire nel mercato azionario, come abbiamo detto sopra il broker offre una leva di 1:5 per i titoli azionari, questo vuol dire che possiamo scambiare cinque volte più denaro di quello che abbiamo nel nostro conto.

In questo caso, abbiamo un potere di acquisto di 50.000€. Come ben sai il broker non ci presterò mai denaro se non abbiamo una certa quantità di capitale nel nostro conto di trading, chiamato margine. Il margine è una garanzia per il nostro broker al fine di permetterti di fare trading con leva.

Lo Spread nel Trading online

Lo spread nel trading online, è la differenza tra il prezzo ask (vendita) e il prezzo bid (acquisto) di un bene.

Il prezzo di vendita (ask) è il punto in cui un acquirente è pronto a comprare. Quando i due punti valore corrispondono in un mercato, vale a dire quando un acquirente e un venditore concordano i prezzi offerti l’uno dall’altro, ha luogo una negoziazione.

Questi prezzi sono determinati da due forze di mercato domanda e offerta, e il divario tra que due maggiori è lo spread. Lo spread bid-ask viene espresso sia in termini assoluti sia in termini percentuali.

Quando un mercato è altamente liquido, i valori di spread possono essere molto piccoli, ma quando un mercato è illiquido o meno liquido lo spread è più grande. Gli spread possono essere sia fissi che variabili, varia in base al broker prescelto o all’asset con cui vuoi negoziare.

Naturalmente gli spread fissi, sono molto più vantaggiosi perché sai in anticipo quant’è la quota, gli spread variabili, che variano alla giornata per liquidità e volatilità del bene.

Lo Stop loss e il Take profit nel Trading online

Quando si inizia a fare trading online, sicuramente troverai dei termini nuovi che non sono familiari, alcuni di questi sono lo stop loss e il take profit.

In semplici parole lo stop loss e il take profit sono ordini automatici che servono a chiudere una posizione di negoziazione a dei prezzi da noi impostati in fase di apertura della negoziazione.

Lo stop loss serve a limitare le perdite, un trader nel momento in cui apre una posizione di negoziazione imposta il livello di perdita, cioè imposterà una percentuale o un importo oltre il quale la negoziazione in perdita si deve chiudere.

Il take profit a la stessa funzione dello stop loss, ma serve al trader a chiudere automaticamente al raggiungimento del profitto che si vuole raggiungere.

Anche questo ordine viene impostato all’apertura della negoziazione per stabilire un limite di profitto, serve al trader a chiudere automaticamente al livello impostato e avere il proprio guadagno e non aspettare troppo a lungo, visto che i mercati cambia rapidamente.

Questi due ordini consentono una migliore gestione dei nostri investimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *